L'effetto dei legumi sulla perdita di peso

L’ONU e la FAO hanno designato il 2016 come l’anno internazionale dei legumi. Questi particolari alimenti di origine vegetale possiedono eccellenti proprietà nutrizionali, rappresentano un’ottima fonte di proteine, di minerali, di Vitamine del gruppo B e la presenza ingente di fibre li rende a basso indice glicemico, contribuendo a regolarizzare i livelli glicemici e migliorare il profilo lipidico. Studi osservazionali presenti in letteratura hanno evidenziato come il consumo di legumi regolare abbia un impatto positivo sulla longevità e nel ridurre il rischio di cardiopatie, ipertensione, diabete e di vari tipi di tumori, tra cui quello al colon. Ma non solo, oltre a queste numerose propri

Perchè conviene esporre i funghi al sole prima di cucinarli

Il deficit della vitamina D, come dimostrano evidenze scientifiche, risulta nel 50% della popolazione mondiale, soprattutto tra i paesi nordici e tra quelle persone con ridotta esposizione alla luce solare. Tra i vari segni clinici tipici di questo deficit nutrizionale, soprattutto diffuso tra gli over 50, ci sono obesità, patologie della pelle, fragilità ossea e debolezza del sistema immunitario. È importante apportare vitamina D sia con l'esposizione solare, ma anche attraverso l'alimentazione con alimenti come salmone, tonno, fegato bovino e funghi. Proprio quest'ultimi oltre alla presenza ingente di fibre, di minerali e di proteine vegetali, sono l'unica fonte vegetale di Vitamina D. Pro

Quali sono le verdure più antitumorali?

Secondo le raccomandazioni internazionali è necessario consumare giornalmente 2-3 porzioni di verdura per poter beneficiare al meglio delle sue proprietà, tra cui la tanto reclamata attività antitumorale. Effettivamente sono più di 250 gli studi epidemiologici che hanno evidenziato come un’alimentazione ricca di frutta e verdura è associata ad un rischio minore di sviluppare tumori. Ebbene, come dimostrano evidenze scientifiche, diverse tipologie di verdure sono efficaci nel prevenire e nel combattere differenti tipi di tumori, talvolta situati anche a livello dello stesso organo. Per esempio, come evidenzia uno studio del 2011, il consumo di cavoli, cavolfiori, broccoli e di verdure crucif

Uova di Pasqua: ecco i motivi scientificamente provati per preferirle al cioccolato fondente

È ormai imminente il periodo di Pasqua e, come ogni anno, le uova di cioccolato ricoprono interi scaffali di supermercati in attesa di essere acquistati, scartati e divorati. C’è chi aspetta con ansia questi giorni proprio per rifornirsi di cioccolato a più non posso e chi, come il sottoscritto, lo consuma quotidianamente e approfitta di questo periodo soltanto per ampliare le proprie scorte per il futuro. In effetti il cioccolato, come dimostrano sempre più numerose evidenze scientifiche, è associato a diversi effetti benefici nei confronti della salute e sarebbe opportuno usufruirne ogni giorno per godere al massimo delle sue proprietà. Purtroppo, non tutto il cioccolato presente in comme

Dimagrire: occhio a QUANDO mangi

Secondo diverse evidenze scientifiche, non solo è importante la quantità e la qualità delle calorie introdotte nel nostro organismo, ma altrettanto fondamentali sono i momenti in cui si immettono queste calorie. Uno studio pubblicato sulla rivista Obesity del 2013, ha evidenziato come le donne partecipanti allo studio hanno perso maggiormente peso introducendo più calorie al mattino, a colazione, rispetto alla sera, presentando inoltre miglior controllo glicemico, meno fame e meno colesterolo ematico. Anche un altro lavoro pubblicato invece su Journal of Obesity sempre nello stesso hanno ha mostrato come mangiare nelle ore serali della giornata rallenti significativamente i processi di dimag

Dolcificanti artificiali e aumento di peso: realtà o falso mito?

Sono ormai tantissimi gli studi che evidenziano come il consumo eccessivo di zuccheri sia associato ad aumento di peso, alterazioni metaboliche e, di conseguenza, rappresenta uno dei maggiori colpevoli dei sempre più crescenti tassi di obesità, sovrappeso, diabete e delle altre patologie croniche tipiche della nostra era. Tuttavia sono già da tanti anni in commercio dolcificanti artificiali e alternativi da poter utilizzare per addolcire pietanze, bevande o da aggiungere semplicemente alla tazzina di caffè mattutina, con la convinzione di evitare il tipico effetto negativo dello zucchero convenzionale sui livelli glicemici dell’organismo. Tra questi ricordo ad esempio gli alcoli come il sorb

Il frutto che può contribuire a prevenire e combattere l'Alzheimer e il declino cognitivo

Sono sempre più numerose le evidenze scientifiche che mostrano come i mirtilli siano delle vere e proprie mini-bombe di antiossidanti, quei composti fondamentali nel combattere lo stress ossidativo, meccanismo alla base dell’insorgenza delle patologie e dell’invecchiamento. Non è un caso che negli ultimi anni ne è stata incrementata notevolmente la produzione in tutto il mondo. Oltre al contenuto di fibre, di Vitamina A, di Vitamina C, di potassio e di folato, i mirtilli sono una ricchissima fonte di antiossidanti, tra cui soprattutto di ANTOCIANINE, composti che conferiscono a questo frutto il tipico colore blu-viola. Avrete sicuramente letto altre volte sui miei post riguardo a questo pa

Yogurt: qualche mito da sfatare

Sono numerose le evidenze scientifiche che dimostrano l'importanza dello yogurt e di alimenti probiotici all'interno di una sana ed equilibrata alimentazione e i loro numerosi benefici offerti nei confronti del nostro organismo, contribuendo ad esempio al miglioramento della salute intestinale, alla riduzione dei livelli di colesterolo, normalizzando i livelli glicemici e rafforzando il sistema immunitario, ecc.; tuttavia , sono sempre di più anche i miti che riguardano questi alimenti che affollano la mente di tantissimi consumatori. 1. Non tutti gli yogurt sono "salutari" Non è vero che tutti gli yogurt sono uguali e non tutti sono cosi 'salutari'. In effetti, la maggior parte, sono arricc

Il lato oscuro del tè verde che non conoscevi

Il tè verde rappresenta una bevanda dalle numerose proprietà benefiche nei confronti della salute. Gli studi negli ultimi hanno focalizzato l’attenzione su questa bevanda evidenziando la potenziale attività antinfiammatoria e antitumorale conferita dalle catechine contenute al suo interno, composti dal forte potere antiossidante. Proprio per i suoi effetti benefici, è divenuto ormai uso comune sostituire l’acqua con questa bevanda, così facendo però, oltre all’eccessivo introito di caffeina si rischia un altro effetto negativo associato al consumo eccessivo di tè verde, ovvero una potenziale riduzione dell’assorbimento del ferro alimentare. Infatti, come evidenziano diversi studi, il consum

Donne, ciclo, sindrome premestruale e alimentazione

Tra i periodi più temuti dagli uomini nei confronti delle donne rientrano sicuramente quei giorni relativi al ciclo mestruale, in cui repentini sbalzi di umore potrebbero accompagnare la giornata delle nostre adorate compagne. Ma, facendo un po' di ordine, come avviene il ciclo, cos'è la sindrome premestruale e quale il ruolo dell'alimentazione in tutto ciò? Per farla breve, mediamente il ciclo mestruale dura 28 giorni, è caratterizzato da una fase 'follicolare', con aumento di estradiolo, e la fase 'luteale', con produzione di progesterone. Tra queste due si colloca quella di ovulazione, con la massima probabilità di concepimento durante questo periodo intermedio alle due fasi. Tra i fat

Digiuno: i benefici e i potenziali che rischi si corrono

Il digiuno, ovvero l’introito di porzioni minime o nulle di cibo e di bevande, è una pratica che risale a tempi antichissimi, talvolta obbligata a causa della mancanza di cibo, e ancora oggi è di uso comune soprattutto in ambito religioso. Tuttavia, soprattutto negli ultimi anni, questa pratica è divenuta abbastanza popolare tra i media per la sua potenziale efficacia nei confronti della perdita di peso e delle patologie croniche moderne. Innanzitutto c’è da premettere come la maggior parte degli studi sul digiuno presenti in letteratura scientifica siano stati effettuati su modelli animali, ovvero roditori, scimmie, vermi e sono ancora molto pochi gli studi clinici effettuati sull’uomo. Tu

Fertilità: quanto incide l'alimentazione sul concepimento

Dati statistici mostrano come l'infertilità nella vita di coppia sia in crescente aumento soprattutto nei paesi occidentali, tant'è che questo problema è diventato prioritario per molte organizzazioni di salute, tra cui 'Healthy People 2020'. Lo stile di vita e l'alimentazione sono fattori che influenzano enormemente la salute di ognuno di noi e, come per tanti altri aspetti, giocano un ruolo chiave anche nel mondo della fertilità, influendo positivamente o negativamente su di essa. Per quanto riguarda l'uomo è stato visto come un'alimentazione basata sul consumo di cereali integrali, farine integrali a basso indice glicemico, frutta e verdura ricca di folati e licopene, contribuisca ad una

Multivitaminici e sport: quando gli eccessi sono inutili e potenzialmente dannosi

È sempre più diffusa la moda riguardante la supplementazione 'fai da te' di integratori multivitaminici soprattutto tra i giovani sportivi, con la convinzione di poterne trarre benefici migliorando performance e ottenendo risultati atletici migliori. L'introito di vitamine nello sportivo è fondamentale, in quanto questi micronutrienti svolgono numerose e importanti funzioni nell'organismo e sono coinvolti nel metabolismo energetico di carboidrati, grassi e proteine. Una dieta varia ed equilibrata è in grado di soddisfare tutte le necessità vitaminiche dell'organismo e oltre più di 50 anni di ricerca scientifica hanno evidenziato come l'uso di integratori vitaminici sia inefficace nel migli

Uova e colesterolo: la verità sul falso mito

Ancora oggi, come per tanti anni in passato, il consumo di uova è stato sempre associato ad un eccessivo introito di colesterolo nell’alimentazione giornaliera. In effetti la maggior parte della gente ancora oggi prima di mangiare una frittata o delle uova si preoccupa più del contenuto di colesterolo piuttosto che del contenuto calorico totale, ignorando purtroppo i risultati degli ultimi anni di ricerca scientifica al riguardo. Innanzitutto c’è da sottolineare come, nonostante l’albume abbia un contenuto proteico maggiore, il tuorlo è ricco di preziosi nutrienti come ferro, folati, vitamina E e antiossidanti come luteina e zeaxantina, importanti per le funzioni cognitive e per la salute de

Daniele Basta Nutrizionista Cosenza

Seguimi su Facebook

  • Facebook Social Icon

SCRIVIMI

IMPORTANTE

Questo blog nasce con l'obiettivo di divulgare l'informazione  scientifica sul mondo dell'alimentazione. Scrivo questi articoli nel mio tempo libero per passione, sempre dopo uno studio minuzioso e un'attenta revisione della letteratura scientifica, ragion per cui è necessario citarne la fonte se dovessero essere riportati su altri siti o su altri blog. 

REGISTRATI GRATIS

Testimonianze

TAG

Archivio

Dott. Daniele Basta

Biologo Nutrizionista Ph.D. Cosenza

  • Facebook Social Icon
  • Twitter Social Icon
  • Google+ Social Icon
  • Instagram Social Icon

© 2017 by Dott. Daniele Basta 

Email: nutrizione.danielebasta@gmail.com

 Sito web:www.nutrikalstudio.it