Alimenti in grado di supportare l'attività detossificante del fegato

Insieme al cervello e al cuore, il fegato è uno degli organi più sottoposti a stress nel nostro organismo, non a caso rappresenta la vera e propria centrale metabolica, che lavora continuamente contribuendo ad eliminare tossine e scarti metabolici e ormonali presenti in circolo, a mantenere costanti i livelli lipidici e ad assicurare una digestione ottimale. Proprio alla base di questo lavoro intenso esercitato, l’alimentazione può influire positivamente o negativamente sul corretto funzionamento di quest’organo. Occorre premettere che le famose diete detossificanti, tanto sponsorizzate oggi sulle riviste e sui siti web alternativi, caratterizzate da intrugli miracolosi o regimi alimentar

Riso integrale o riso bianco? La salute pende da un lato, il mercato dall'altro

La differenza tra il riso integrale e quello bianco non è soltanto quella relativa al colore, infatti, il primo, andando incontro a minori processi di lavorazione, risulta molto più ricco di fibre, proteine, vitamine, specie di quelle del gruppo B, minerali, come ferro e manganese, e anche di antiossidanti. A differenza di quella del riso bianco, la migliore composizione nutrizionale del riso integrale, come si evidenzia da vari studi presenti in letteratura scientifica, si riflette positivamente sulla salute degli individui. Non è affatto un caso, come evidenzia uno studio del 2014 pubblicato sulla rivista International Journal of Preventive Medicine, che un’alimentazione a base di riso i

5 potenziali cause alimentari di gonfiore addominale (La n°5 è tra le più sottovalutate)

Il gonfiore è uno dei più comuni sintomi avvertiti, circa 1 persona su 5 ne soffre, che sebbene possa manifestarsi in presenza di disturbi gastrointestinali e stati fisiopatologici complessi, molto spesso può essere causato da determinati cibi nella propria alimentazione. 1. Legumi Tra i legumi, ad esempio, fagioli e lenticchie, nonostante offrano numerosi benefici alla salute, oltre all'elevato contenuto in fibre, presentano antinutrienti, tra cui acido fitico e lectine, e zuccheri fermentabili a catena corta (FODMAP- fermentable oligo-, di- mono-saccharides e polyols), capaci spesso di sfuggire alla digestione ed essere fermentati a livello del colon dalla flora batterica intestinale con c

L'effetto DOPING del cioccolato fondente

In diversi articoli in precedenza ho sottolineato come determinati tipi di verdura possano svolgere un ruolo determinante nel migliorare le prestazioni sportive, come ad esempio gli spinaci, la bieta o come la barbabietola rossa, proprio per la presenza di nitrati, composti che nell’organismo vengono convertiti in ossido nitrico, importantissimo nell’indurre vasodilatazione e nel ridurre il consumo di ossigeno a livello muscolare. Se vuoi saperne di più sull'effetto della verdura sulle prestazioni sportive clicca qui. È risaputo però come il consumo di cioccolato fondente sia associato ad una migliore salute cardiovascolare, grazie alla presenza dei flavonoidi contenuti all’interno, dal for

7 Combinazioni vegetali ricche di ferro. L'ultima è la mia preferita!

Viste le raccomandazioni internazionali riguardo alla limitazione del consumo di carni rosse e di quelle processate, essendo queste delle ottime fonti di ferro, ma necessariamente da limitare, è possibile introdurre in maniera differente questo minerale anche attraverso le fonti vegetali. Senza dubbio il ferro è presente, a volte anche in elevate concentrazioni, in queste fonti, ma viene assorbito in quantità minore, circa il 2-20% del totale, rispetto a quello contenuto nelle fonti animali, che viene assorbito per il 15-35%. Fortunatamente esiste una soluzione a tutto ciò: l'aggiunta di vitamina C al vostro piatto vegetale ricco di ferro in modo da aumentarne significativamente l'assorbime

Carne processata, alcol e massa grassa aumentano il rischio di tumore gastrico

Il tumore gastrico colpisce circa 950000 persone l’anno in tutto il mondo, è più frequente nella popolazione anziana, con una prevalenza maggiore negli uomini rispetto alle donne e nel 70% dei casi viene diagnosticato nelle fasi avanzate. Secondo un nuovo report rilasciato dall’American Institute of Cancer Research (AICR) e dal World Cancer Research Fund il consumo regolare di bevande alcoliche, quello di carni processate e una condizione di sovrappeso aumentano significativamente il rischio d’insorgenza di tumore gastrico. È la prima volta che un lavoro scientifico associa questi fattori all’aumento del rischio di questo tumore. In particolare in questo studio è stata valutata l’influenz

Vegetariani e omega-3: posso assumerli unicamente dai semi oleosi anziché dal pesce?

Gli acidi grassi omega-3 sono prodotti in piccolissime quantità nell'organismo umano, ragion per cui vengono chiamati acidi grassi 'essenziali' ed il loro apporto con la dieta risulta indispensabile. Fondamentali sin dal periodo dello sviluppo, essendo importanti costituenti dei lipidi strutturali di membrana particolarmente nel tessuto nervoso e nella retina, questi composti, come dimostrato da diversi studi scientifici, svolgono un ruolo protettivo nei confronti dell'apparato cardiovascolare, contribuendo alla riduzione della frequenza cardiaca e del rischio di aritmia, riducendo i livelli plasmatici di colesterolo e di trigliceridi, migliorando la resistenza vascolare sistemica e la funzi

Pistacchi: 3 benefici scientificamente provati (il n.2 è quello più impressionante)

Negli ultimi anni sono tantissimi i lavori scientifici che hanno evidenziato i benefici associati al consumo di frutta secca nei confronti della salute e, secondo le raccomandazioni internazionali, è consigliabile consumarla regolarmente nel contesto di un’alimentazione equilibrata. Per quanto riguarda i pistacchi, in particolare, sono un’importante fonte di fibre, di proteine e di acidi grassi mono- e polinsaturi, presentano buoni livelli di Vitamina K, Vitamina E e soprattutto contengono elevatissime quantità di antiossidanti. Basti pensare che questo alimento è tra i primi 50 con il maggiore potenziale antiossidante. Tra i composti con queste eccezionali proprietà contenuti in questo alim

Cosa mangiare quando si subisce un infortunio?

Spesso tra gli atleti amatoriali, ma non solo, capita spesso di sottovalutare l'importanza dell'alimentazione durante un infortunio articolare, muscolare, ecc., che può avvenire durante fasi di attività sportiva o casualmente nella vita quotidiana di tutti i giorni. Capita spesso di trovarsi davanti ad una distorsione della caviglia o ad una contrattura muscolare dove si cerca di risolvere il problema senza badare a ciò che si mangia durante quei giorni e sottovalutando soprattutto come un'alimentazione adeguata sia in grado di ridurre i tempi di infortunio e di recupero da parte dell'organismo. Ma facciamo un po' di ordine, l'organismo di per se ha dei meccanismi fisiologici ben precisi e c

Stress: caos ormonale e aumento di peso, come comportarsi a tavola?

Se volete stare alla larga dallo stress, mi dispiace, ma siete nati nell'epoca sbagliata. Lo stress cronico è diventato una vera e propria epidemia nella nostra società ed è sempre più in espansione soprattutto nelle realtà occidentali. Studi recenti hanno dimostrato come lo stress possa significativamente contribuire a danneggiare il sistema immunitario e nello stesso tempo a favorire l'accumulo di grassi nell'organismo: a tal proposito in un lavoro recente pubblicato sulla rivista 'Appetite' è stato evidenziato come donne sottoposte a stress possedevano una circonferenza vita maggiore ed un peso superiore rispetto a donne non stressate. Ormai sono anni che la correlazione tra stress, glice

La classifica 2016 di frutta e verdura con i più alti livelli di pesticidi

L’Environmental Working Group, l’organizzazione no-profit americana che si occupa di ambiente e salute, ha pubblicato recentemente la Guida del Consumatore 2016, analizzando la presenza di pesticidi in frutta e verdura maggiormente consumate negli Stati Uniti, anche a livello di importazione, stilando una vera e propria classifica al fine di informare e diffondere maggiore consapevolezza tra i consumatori. Circa tre quarti dei 6953 prodotti testati dal Dipartimento dell’Agricoltura Americano hanno presentato residui di pesticidi che permanevano nonostante il lavaggio e, in molti casi, nonostante l’eliminazione della buccia o della parte esterna (la regione a livello della quale si accumulan

L'effetto farmacologico dell'attività fisica contro la depressione

È ormai abbastanza risaputo come l’attività fisica possa avere ripercussioni decisamente positive sull’umore della persona ma ancora non tutti sanno che può anche esercitare effetti positivi anche nel ridurre i sintomi tipici della depressione. Questa condizione rappresenta un vero e proprio disturbo dell'umore che secondo la World Health Organization è una delle cause di numerose patologie oggi maggiormente diffuse nei Paesi industrializzati. Esistono alimenti con proprietà nutrizionali importanti in grado di combattere i sintomi depressivi (per saperne di più clicca qui), ma quali sono gli effetti dell’attività fisica nei confronti di questa condizione? Gli studi hanno evidenziato come l’a

Rughe e alimentazione: quali cibi rallentano l'invecchiamento della pelle?

Nell'invecchiamento della pelle i fattori genetici e lo stile di vita svolgono un ruolo importante, ma evidenze scientifiche mostrano come anche l'alimentazione abbia un effetto significativo, soprattutto nel caso delle donne in menopausa dove la pelle invecchia il 25% più velocemente rispetto a quella degli uomini, a causa della diminuzione fisiologica di estrogeni. In uno studio del 2007 pubblicato sulla rivista American Journal of Clinical Nutrition dove un team di dermatologi ha analizzato le abitudini alimentari di oltre 4000 donne è stato evidenziato come: - le donne che consumavano maggiori quantità di vitamina C avevano l'11% in meno di rughe rispetto a coloro che ne consumavano qua

Il pomodoro, potenziale arma contro gli effetti collaterali della radioterapia

Il pomodoro rappresenta uno degli alimenti simbolo della Dieta Mediterranea e oltre alla presenza di Vitamina C, Vitamina K e di folati, presenta all’interno ingenti quantità di differenti tipi di antiossidanti tra cui quello più rappresentativo è senza dubbio il licopene. Quest’ultimo composto, che conferisce il caratteristico colore rosso al pomodoro, è in grado di legare a sé i radicali liberi e di prevenire potenziali danni ossidativi alle cellule dell’organismo, meccanismi alla base dell’invecchiamento e delle più comuni patologie. Diversi studi hanno evidenziato come il consumo di pomodoro sia associato ad un rischio inferiore di cardiopatie e ad una migliore salute cardiovascolare, ad

6 comuni deficit nutrizionali

Nell'ambito di un'alimentazione sana e soprattutto equilibrata, risulta generalmente corretto l'introito di nutrienti necessari all'organismo per espletare le proprie funzioni vitali. Ma molto spesso, sia per le cattive abitudini, sia per la qualità degli alimenti e per la loro cattiva conservazione, sia per mancanza di tempo, ma anche per il fatto che con l'avanzare dell'età l'organismo assorbe con meno facilità i nutrienti a causa di particolari condizioni patologiche, è molto facile andare incontro a deficit nutrizionali, talvolta molto dannosi e rischiosi per la salute stessa dell'organismo. Quali ad esempio i più comuni deficit nutrizionali? 1.VITAMINA D Il deficit di questa vitamina li

Alternativa salutare alla Nutella fatta in casa, da provare!

Tra i peggiori cibi spazzatura in circolazione, rigorosamente made in Italy, c'è sicuramente la Nutella. Ogni tanto un cucchiaino di Nutella non ha mai fatto male a nessuno, ma rappresenta una problematica non indifferente quando diventa un'abitudine quotidiana mangiare cucchiaiate di questa dolcissima crema alle nocciole industrializzata ed estremamente processata. Facendo una carrellata velocissima sui vari punti negativi della Nutella ricordo: - l'eccessiva quantità di purissimo zucchero raffinato, metabolicamente dannoso e non solo potenziale causa di aumento di peso; - olio di palma idrogenato, che si traduce in una ricca fonte di grassi saturi trans, quelli delle peggiori fritture pe

È ufficiale: oggi nel mondo l'obesità prevale sul sottopeso

Oggi è finalmente ufficiale e possiamo affermarlo con certezza: nel mondo sono di più le persone obese rispetto a quelle sottopeso. Tutto ciò secondo i dati di uno lavoro recentissimo pubblicato sulla rivista The Lancet che ha evidenziato tutti i dati relativi al cambiamento del peso della popolazione mondiale dal 1975 al 2014, analizzando i dati di 1698 studi. I risultati hanno evidenziato come negli ultimi 40 anni l’incidenza dell’obesità nel mondo sia aumentata drasticamente: dai 105 milioni di paesi del 1975 si è passati ai 641 milioni del 2014. Nel contempo la percentuale delle persone sottopeso è diminuita di circa un terzo. Mentre una volta era la fame una delle maggiori cause di mo

Caffeina, effetti positivi e negativi

La stragrande maggioranza della popolazione italiana (e non solo) è caffeino-dipendente, come direbbero gli americani caffeine-addicted. Si tratta di una vera e propria dipendenza, come molti studi hanno dimostrato. In effetti questa sostanza chiamata anche con il nome di teina, guaranina o 7-metilteobromina, agisce direttamente a livello del Sistema Nervoso Centrale dove, in sintesi, interagisce con specifici recettori, chiamati adenosinici, causando vasocostrizione dei vasi cerebrali, l'attivazione di cellule neuronali e il rilascio di adrenalina, un ormone con numerosi effetti sul nostro organismo, tra i quali dilatazione delle pupille, aumento della frequenza cardiaca, aumento della pres

Daniele Basta Nutrizionista Cosenza

Seguimi su Facebook

  • Facebook Social Icon

SCRIVIMI

IMPORTANTE

Questo blog nasce con l'obiettivo di divulgare l'informazione  scientifica sul mondo dell'alimentazione. Scrivo questi articoli nel mio tempo libero per passione, sempre dopo uno studio minuzioso e un'attenta revisione della letteratura scientifica, ragion per cui è necessario citarne la fonte se dovessero essere riportati su altri siti o su altri blog. 

REGISTRATI GRATIS

Testimonianze

TAG

Archivio

Dott. Daniele Basta

Biologo Nutrizionista Ph.D. Cosenza

  • Facebook Social Icon
  • Twitter Social Icon
  • Google+ Social Icon
  • Instagram Social Icon

© 2017 by Dott. Daniele Basta 

Email: nutrizione.danielebasta@gmail.com

 Sito web:www.nutrikalstudio.it