Testosterone e alimentazione: quali fattori contribuiscono a migliorarne la produzione

Il testosterone è il principale ormone maschile, fondamentale nello sviluppo sessuale e nel migliorare la forza muscolare e la densità ossea. Livelli eccessivamente ridotti di questo ormone negli uomini, soprattutto con l’avanzare dell’età, sono stati associati, come dimostrano vari studi all’aumentato rischio di diverse condizioni patologiche come obesità, diabete di tipo 2 e cardiopatie. Nonostante sia il principale ormone maschile, anche nella donna il mantenimento di adeguati livelli di questo ormone sono importanti non solo per il benessere sessuale, ma anche per la salute in toto dell’organismo. Ormai sono decenni che studi di popolazione hanno evidenziato come sovrappeso e obesità s

Gli effetti benefici della pasta fredda che molti non conoscono

Con l'estate in arrivo e con il conseguente aumento delle temperature sicuramente non è consigliabile consumare piatti caldi, specie nelle ore infuocate della giornata. A tal proposito entrano in gioco le insalate di pasta, di riso, di orzo ecc, che oltre ad essere molto più gustose ed appetibili nella stagione estiva, nascondono un altro grande beneficio che, a lungo andare, potrebbe rivelarsi molto utile ai fini della perdita di peso. In particolare mi riferisco alla presenza, all'interno di questi alimenti amilacei, dei composti amido-resistenti, ovvero quei carboidrati, simili alla fibra solubile, che non vengono digeriti dall'organismo, bensì nutrono la flora batterica intestinale. Ebbe

Uricemia alta e gotta: ecco l'alimento che può aiutare a combatterle

Come ho ribadito più di una volta sono numerosi i lavori che evidenziano come il consumo di ciliegie sia associato ad una potente risposta antinfiammatoria nel nostro organismo. Ad esempio in uno studio pubblicato nel 2006 sulla rivista Journal of Nutrition è stato visto come il consumo per un mese di 45 ciliegie al giorno, da parte di uomini e donne sani, fosse associato ad una riduzione del 25% dei livelli di proteina C reattiva e ad una diminuzione significativa delle proteine infiammatorie RANTES, importanti marcatori dello stato d’infiammazione dell’organismo. Inoltre nello studio è stato visto come tali benefici antinfiammatori permanessero anche dopo il mese successivo, senza abbuffa

Ritenzione idrica e alimentazione, qualche consiglio per combatterla e prevenirla

La ritenzione idrica rappresenta quella condizione caratterizzata da un eccesso di liquidi nei tessuti interstiziali, specie a livello di zone di accumulo adiposo come addome, cosce e glutei; è diffusa soprattutto nelle donne, ma può verificarsi anche negli uomini, e molto spesso è una condizione sottovalutata e limitata unicamente ad una problematica estetica, quando invece può essere legata a stati patologici ben più seri, come ipertensione, insufficienza renale, oppure all'utilizzo di determinati farmaci, ma anche ad una scorretta alimentazione, eccessivamente ricca di sodio e di cibi processati e ad una povera attività fisica. Oggi, grazie alla bioimpedenziometria, si è in grado di valut

Le banane fanno ingrassare?

Uno dei quesiti che spesso mi vengono posti riguardo alle banane è se il loro consumo possa in qualche modo fare aumentare di peso. A occhio e croce, in una società caratterizzata dal consumo eccessivo di alimenti processati, bevande zuccherate, fast food e cibo spazzatura focalizzare l’attenzione sul dubbio che questo frutto possa essere associato all’aumento di peso è a dir poco assurdo. Le banane sono tra i frutti più nutrienti e il loro consumo è correlato a differenti benefici alla nostra salute: sono ricche di fibre, vitamine, minerali e anche di carboidrati che, in quelle più mature, sono rappresentati soprattutto da zuccheri semplici, tra cui saccarosio, fruttosio e glucosio. Questi

Pressione alta? Ecco l'alimento che può aiutare a combatterla e a prevenirla

Sono numerose le evidenze scientifiche che dimostrano le tantissime proprietà benefiche offerte dall'aglio e non è affatto una casualità che tra le popolazioni dell'antichità, tra cui Egizi, Babilonesi, Greci e Romani, ma anche nella tradizione cinese, questo alimento era utilizzato molto più per finalità mediche che non in cucina. In effetti, la maggior parte delle numerose proprietà benefiche di questo alimento sono legate alla presenza di un composto sulfureo , chiamato allicina, che si libera, emanando anche un odore caratteristico, quando lo spicchio viene masticato o spezzettato. Sono numerose le ricerche scientifiche che hanno evidenziato come il consumo regolare di aglio contribuisca

3 effetti sorprendenti del pomodoro. (Il n° 3 può tornarvi utile con l'estate alle porte)

Soprattutto in questo periodo è possibile godere delle proprietà legate al consumo di pomodoro. Questo alimento, scientificamente conosciuto come Solanum Lycopersicum, deve il suo colore rosso alla presenza del licopene al suo interno, un potente antiossidante in grado di legare i radicali liberi e di prevenire potenziali danni ossidativi alle cellule dell'organismo. Altri alimenti ricchi di questo antiossidante sono anguria, albicocche, uva rossa, papaya, ecc.. Ma oltre al licopene questo alimento contiene altri antiossidanti come beta carotene, naringenina, acido clorogenico, le cui quantità variano da pomodoro a pomodoro, e buone dosi di Vitamina C, potassio, folato e Vitamina K che lo re

Come leggere le etichette nutrizionali senza essere tratti in inganno

Negli ultimi anni, a causa dei sempre più crescenti tassi di sovrappeso e obesità e patologie croniche e grazie alle opere di sensibilizzazione sulla sana e corretta alimentazione, sono sempre di più i consumatori che prestano maggiore attenzione, anche sotto consiglio degli esperti, alle etichette nutrizionali degli alimenti in commercio. Nonostante ciò le difficoltà e le ambiguità in questo ambito sono frequenti e molto spesso traggono in inganno i consumatori stessi. Un primo errore è quello di soffermarsi unicamente sulla porzione frontale del prodotto, che spesso contiene claim salutistici, come ad esempio 'ricco di fibre', 'ricco di calcio', 'povero di grassi', distogliendo l'attenzion

Qualche semplice strategia per aumentare il consumo di verdura nei bambini

Se offriste ai vostri figli un piatto di broccoli o una tavoletta di cioccolato, secondo voi cosa sceglierebbero? La risposta è quasi totalmente scontata. In effetti è stato dimostrato come, nell'ambito di tale scelta, 5 bambini su 4 sceglierebbero il cioccolato. Nessuna sorpresa fin qui direi, ma nello stesso tempo è stato visto come ponendo sui broccoli l'immagine di una cartone animato, la probabilità di scelta di questo alimento aumentava al 50%, ovvero su due bambini uno avrebbe scelto i broccoli...il tutto semplicemente grazie ad un piccolo adesivo di un cartone animato posto sulla verdura. In uno studio del 2014, pubblicato su Journal of Nutrition Education and Behaviour, è stato vi

5 alimenti che fanno ingrassare inevitabilmente se consumati con regolarità

Come ha dimostrato un recente studio pubblicato su The Lancet il numero degli obesi in tutto il mondo negli ultimi 50 anni è triplicato e mentre una volta la fame era una delle maggiori cause di morte oggi è proprio l’obesità il nemico numero uno. Tutto ciò è particolarmente evidente nei paesi occidentali dove alimentazione scorretta, sedentarietà e abitudini di vita errate hanno spalancato letteralmente le porte a tassi esponenziali di sovrappeso, obesità e patologie croniche. Ma per quanto riguarda l’alimentazione, quali sono gli alimenti maggiormente incriminati al riguardo nella società moderna? In questo articolo ne cito qualcuno e premetto come proprio i maggiori responsabili sono que

Si avvicina l'estate, ecco gli effetti drastici delle diete "fai da te"

Al giorno d'oggi sono sempre più diffuse le diete 'fai da te', nelle quali, soprattutto nel periodo antecedente l'estate, si decide di voler perdere peso a tutti i costi, rinunciando qua e la ad alimenti 'temutissimi' come pasta, pane ecc, saltando molte volte i pasti oppure addirittura sottoponendosi ad attività fisiche estenuanti e veramente faticose, mettendo talvolta a serio rischio la propria salute. Tutta questa fatica per perdere molti chili magari nelle prime due o tre settimane, per poi riacquistarne il doppio dopo due o tre mesi. È proprio cosi che si ricade nel cosiddetto effetto 'yoyo' , ovvero quella situazione alterna di perdita e riacquisto di peso, in un'alimentazione 'anarch

Le proprietà della quinoa, molto più che un cereale

Tra le varie pietanze esposte all'ormai trascorsa EXPO2015, specie nei padiglioni dei paesi dell'America meridionale, è stato possibile gustare quelle a base di quinoa, un alimento amilaceo non ancora diffusissimo nel nostro Paese. La quinoa, scientificamente conosciuta come Chenopodium quinoa, nonostante abbia le sembianze e venga consumato come un normale cereale, come riso, orzo o frumento (anche per la presenza importante di amido all'interno), rappresenta tuttavia un seme dalle innumerevoli proprietà nutrizionali, talvolta anche migliori rispetto alla maggior parte dei cereali più diffusi e non è un caso che venga chiamata letteralmente 'pseudo-cereale'. Oltre ad essere ricca di protein

Dolori mestruali e sindrome premestruale, ecco quale alimento potrebbe tornare utile

Secondo dati statistici circa il 90% delle donne dichiara di avere crampi dolorosi durante il periodo mestruale mensile, a causa dei quali spesso si ricorre all'utilizzo di antidolorifici, talvolta, in dosi abbastanza massicce. Nella tradizione mediterranea gli estratti di semi di finocchio, che in realtà semi non sono, ma rappresentano dei piccoli frutti tipici di questa pianta, sono stati utilizzati in passato per alleviare questi crampi dolorosi. In uno studio pubblicato su Ayu Journal nel 2012, è stato valutato l'effetto di capsule contenenti 30 mg di estratti di finocchio, somministrate per 4 volte al giorno in un periodo di 3 giorni totali, su donne affette da dismenorrea primaria, u

3 proprietà scientificamente provate dell'aceto di mele

L'aceto di mele, oltre ad avere un bassissimo contenuto calorico (3 Kcal a cucchiaio), contiene elevate quantità di potassio e antiossidanti e, come dimostrano tantissimi studi, possiede numerosi effetti benefici nei confronti della salute, alcuni dei quali veramente impressionanti. Eccovi i più significativi provati scientificamente. 1. Può contribuire significativamente alla perdita di peso Pensate che il consumo di aceto di mele come arma mirata alla perdita di peso risale al 1820. Nel corso degli anni però diverse evidenze scientifiche hanno mostrato come un suo consumo sia associato ad un significativo aumento del senso di sazietà ed è stato dimostrato come, a lungo andare, coloro che l

Daniele Basta Nutrizionista Cosenza

Seguimi su Facebook

  • Facebook Social Icon

SCRIVIMI

IMPORTANTE

Questo blog nasce con l'obiettivo di divulgare l'informazione  scientifica sul mondo dell'alimentazione. Scrivo questi articoli nel mio tempo libero per passione, sempre dopo uno studio minuzioso e un'attenta revisione della letteratura scientifica, ragion per cui è necessario citarne la fonte se dovessero essere riportati su altri siti o su altri blog. 

REGISTRATI GRATIS

Testimonianze

TAG

Archivio

Dott. Daniele Basta

Biologo Nutrizionista Ph.D. Cosenza

  • Facebook Social Icon
  • Twitter Social Icon
  • Google+ Social Icon
  • Instagram Social Icon

© 2017 by Dott. Daniele Basta 

Email: nutrizione.danielebasta@gmail.com

 Sito web:www.nutrikalstudio.it