Cosa mangiare dopo l'allenamento?

È ormai abbastanza risaputo quanto sia importante l’alimentazione in ambito sportivo, non solo ai fini di prestazioni atletiche migliori, ma soprattutto nei confronti della salute stessa dell’organismo. A tal proposito, avevo già scritto precedentemente un articolo su come dovrebbe essere uno spuntino pre-allenamento (clicca qui per saperne di più), ma cosa invece si dovrebbe mangiare dopo un esercizio fisico o un allenamento sportivo? Bè secondo diverse evidenze scientifiche addirittura lo spuntino post-allenamento sarebbe ancora più importante rispetto a quello pre-allenamento. In effetti durante l’esercizio fisico si riducono le riserve idriche e saline dell’organismo attraverso la sudora

Donne in gravidanza, deficit di ferro e rischio di complicanze

Secondo dati OMS, più del 30% della popolazione mondiale è affetto da anemia, metà della quale è causata da deficit di ferro. I soggetti più colpiti sono i bambini, gli anziani e le donne, soprattutto quelle in gravidanza e questa forma di anemia sopraggiunge nel momento in cui le riserve di ferro non sono sufficienti a soddisfare le richieste dell’organismo. Questo importante minerale è fondamentale, ad esempio, nella produzione di emoglobina, la proteina contenuta nei globuli rossi con il compito di trasportare l’ossigeno, e risulta essenziale anche nel corretto funzionamento della perossidasi tiroidea, fondamentale nella produzione degli ormoni tiroidei e dunque per il corretto funzionam

Uva: bomba di polifenoli, ma attenzione a non esagerare

L'uva rappresenta uno dei frutti maggiormente consumati durante questo periodo, che seppur in grado di apportare benefici alla salute, se in eccesso può avere effetti tutt'altro che positivi. Dal punto di vista nutrizionale, questo frutto è un'ottima fonte di potassio, di rame e di Vitamina B2 e soprattutto l'uva rossa, è ricca di polifenoli dall'eccellente potenziale antiossidante. In un recente studio pubblicato su Science Translational Medicine, è stato visto in vivo e sull'uomo come il resveratrolo, contenuto nella parte esterna dell'uva rossa e nel vino rosso, contribuisca a prevenire e a combattere tumori intestinali: in particolare è stato evidenziato come tutto ciò avvenga in presenz

Sushi: gli effetti benefici e i potenziali aspetti negativi

Il sushi, tipico alimento di origine giapponese, negli ultimi anni sta letteralmente spopolando nelle grandi e nelle piccole realtà europee. E pensare che questa pietanza una volta veniva utilizzata da popolazioni del Sud-est Asiatico per conservare il pesce e preservarlo nel tempo, attraverso la pressione esercitata da un masso nei confronti del pesce posto su uno strato di riso e sale per alcune settimane prima di poterlo poi consumare. Durante questo processo di fermentazione il riso favoriva la produzione di acido lattico che promuoveva cosi la conservazione del pesce e lo preservava dalla degradazione microbiologica. Nel 1600 iniziarono ad aggiungere aceto al riso, per velocizzarne la

Gli estratti di zenzero contro cellule staminali tumorali di carcinoma mammario: evidenze scientific

Viste le innumerevoli proprietà benefiche nei confronti della salute, negli ultimi anni sono sempre di più e le ricerche che hanno focalizzato la propria attenzione nel valutare gli effetti dello zenzero nei confronti di varie patologie umane. Oltre alle già note proprietà antinfiammatorie, antiossidanti, ipoglicemizzanti e antinausea, risulta ben documentata in letteratura scientifica anche l’attività antitumorale espletata da questa radice, grazie alla presenza di composti bioattivi all’interno come i gingeroli, gli shogaoli e i paradoli, soprattutto nei confronti di patologie tumorali come tumore al colon-retto, tumore gastrico, quello alle ovaie, carcinoma epatico, tumore alla prostata e

La cipolla rossa, potente fonte di antiossidanti? Si, ma solo quella di Tropea!!

La quercitina è un flavonoide molto particolare, rappresenta tecnicamente un pigimento, ovvero un composto colorato, e, non a caso, si riscontra in maggiori quantità in quegli alimenti vegetali dal colore intenso e caratteristico. Questo composto è, come dimostrano numerosissime evidenze scientifiche, uno di quelli con maggiore potere antiossidante, fondamentale nel combattere il danno da radicali liberi, alla base di processi patolgici, stress, infiammazione e invecchiamento. La quercitina è importante anche nella regolazione della risposta immunitaria dell’organismo nei confronti di sollecitazioni esterne, come infezioni batteriche o virali ed è stato visto, in più lavori scientifici, il

Tu sei quello che mangi. I tuoi figli sono quello che mangi TU!

Ludwig Feuerbach fu il primo ad affermare "L'uomo è quello che mangia", con un'accezione piuttosto materialista ed esistenziale, facendo coincidere l'essere dell'uomo esattamente con ciò che mangia...forse un po' esagerato, ma ai fini esistenziali giustificato in quanto non possiamo essere se non mangiamo, e viceversa! Chiusa parentesi filosofica introduttiva, è vero che si sente spesso dire, in aumento soprattutto negli ultimi anni, "tu sei quello che mangi", alla base del fatto che un'alimentazione scorretta rispecchia (approssimativamente) l'aspetto fisiopatologico di una persona....e tutto ciò probabilmente nasconde un minimo di verità, tenendo presente che la stessa alimentazione scor

Cosa mangiare prima dell'allenamento?

Sicuramente uno dei dubbi che spesso rimbombano nella testa di un atleta o di un semplice sportivo amatoriale è: cosa mangiare prima dell’allenamento? Sono ormai numerosissime le evidenze scientifiche che mostrano come un adeguato pasto prima dell’allenamento sia fondamentale ai fini della prestazione sportiva ma anche in relazione alla salute stessa dell’organismo. Il tutto ovviamente dipende dalle caratteristiche del soggetto, come età, sesso, composizione corporea, e dal tipo di attività sportiva che andrà ad intraprendere, tenendo conto dell’intensità e della durata. Innanzitutto bisogna tener presente come i carboidrati siano la maggiore fonte di energia durante un esercizio fisico e so

Pasta? Nelle giuste quantità non fa ingrassare e aiuta a mantenere il peso in salute

Uno degli alimenti più demonizzati nel mondo della perdita di peso "fai da te". Ho notato che non sono affatto poche le persone che, per perdere prima del peso corporeo, eliminano totalmente interi gruppi alimentari privandosi di vari alimenti, tra i quali sicuramente la pasta è quello più eclatante. Ebbene secondo uno studio recentissimo il consumo di pasta regolare non è associato ad aumento di peso, anzi può contribuire, nelle giuste quantità, anche a mantenere il peso in salute e a ridurre la circonferenza vita. In questo lavoro orgogliosamente italiano (pensate un po'), condotto dall'Istituto Neurologico Mediterraneo Neuromed di Pozzilli, sono stati analizzati dati su 35.000 soggetti ap

Daniele Basta Nutrizionista Cosenza

Seguimi su Facebook

  • Facebook Social Icon

SCRIVIMI

IMPORTANTE

Questo blog nasce con l'obiettivo di divulgare l'informazione  scientifica sul mondo dell'alimentazione. Scrivo questi articoli nel mio tempo libero per passione, sempre dopo uno studio minuzioso e un'attenta revisione della letteratura scientifica, ragion per cui è necessario citarne la fonte se dovessero essere riportati su altri siti o su altri blog. 

REGISTRATI GRATIS

Testimonianze

TAG

Archivio

Dott. Daniele Basta

Biologo Nutrizionista Ph.D. Cosenza

  • Facebook Social Icon
  • Twitter Social Icon
  • Google+ Social Icon
  • Instagram Social Icon

© 2017 by Dott. Daniele Basta 

Email: nutrizione.danielebasta@gmail.com

 Sito web:www.nutrikalstudio.it