Bere caffè può migliorare le prestazioni sportive?

La caffeina rappresenta uno di quei composti che viene considerato da molti atleti, amatoriali e non, in grado di migliorare le performance sportive e viene spesso utilizzata nell’ambito di differenti discipline sportive, dalle attività intermittenti come calcio o rugby, agli sport di endurance come ciclismo o maratona, fino anche al bodybuilding. Nonostante gli studi scientifici al riguardo hanno valutato gli effetti di pura caffeina disciolta in acqua (ovviamente sotto forma di integratore), la maggior parte delle persone integra questo composto attraverso caffè, energy drink, sport drink, ecc.. Ma bere un caffè prima di un esercizio fisico può grado realmente fare la differenza sulla pres

La Garcinia cambogia ti aiuta a dimagrire più velocemente?

Visti gli elevatissimi tassi di sovrappeso e obesità, spesso, nelle pratiche fai da te, si ricorre a diete improvvisate con restrizioni caloriche eccessive, digiuni prolungati oppure all’utilizzo sconsiderato di integratori. Pensate che il mercato degli integratori alimentari conta annualmente 27 bilioni di dollari e, secondo le previsioni, aumenterà fino a raggiungere i 278 bilioni di dollari all'anno nel 2024. Numeri impressionanti. Effettivamente sono ancora in moltissimi alla ricerca dell'integratore miracoloso in grado di far perdere i Kg in eccesso in pochissimi giorni o in grado di far migliorare le performance atletiche fungendo da energizzante. In uno studio del 2015 pubblicato sull

Consumo eccessivo di farine bianche, ecco le conseguenze sulla salute

Tra i fattori tipici relativi alle abitudini alimentari scorrette dei nostri giorni spicca il consumo eccessivo di alimenti processati e industrializzati, molti dei quali sono caratterizzati dalla presenza della farina “bianca” processata. Questo ingrediente ormai si ritrova in dolci, pasta, pane, pizza, ecc, proprio per la sua elasticità, per il suo sapore e sicuramente anche per la convenienza economica. Queste farine ultra-raffinate si sono diffuse da quando è stato visto che eliminarne completamente le fibre non solo le rendeva molto più facili da masticare e da digerire, ma rendeva anche gli impasti più elastici e consistenti e, aspetto da non sottovalutare, ne allungava significativame

Microbiota intestinale e peso corporeo, ecco come la microflora può influire su un aumento di peso

Nei momenti in cui vi sentite soli, pensate che il vostro organismo è accompagnato da circa 39 trilioni di batteri. La maggior parte di questi microrganismi sono localizzati a livello intestinale e la loro composizione, influenzata da abitudini alimentari, genetica, stress, attività fisica, ecc.., può avere effetti sulla digestione, sui processi metabolici, sul sistema immunitario, sulla salute intera dell’organismo e anche sul peso corporeo. Proprio riguardo a quest’ultimo aspetto, eccovi qualche esempio su come il microbiota intestinale può influire sul peso corporeo. La composizione del microbiota intestinale Influisce sui processi metabolici Il microbiota intestinale, interagendo dirett

Il segreto per scegliere le migliori tavolette di cioccolato? Non conta solo la percentuale

Sono ormai tantissimi gli studi che evidenziano i benefici del cioccolato fondente sulla salute, soprattutto su quella cardiovascolare. Tuttavia, come ho sottolineato più volte, la stragrande maggioranza del cioccolato presente in commercio è cibo spazzatura, ricco di zuccheri, con l’aggiunta di latte, di conservanti e molto spesso anche di grassi parzialmente idrogenati. Tutti questi elementi purtroppo non solo riducono l’assorbimento dei flavonoidi del cacao, ma ne limitano la funzione nell’organismo, annullando quasi totalmente l’effetto benefico di questo alimento. Quando nei supermercati compriamo del cioccolato, una delle prime cose che risalta alla vista è la percentuale presente sull

3 motivi per i quali in presenza di patologie autoimmuni si dovrebbe optare per alimenti biologici

Queste ultime patologie sono caratterizzate da una reazione avversa del sistema immunitario nei confronti di cellule dell’organismo stesso, causando la distruzione del tessuto corporeo e interrompendone o alterandone la corretta funzionalità. Tipologie di patologie autoimmuni sono, ad esempio, la psoriasi, la celiachia, l’artrite reumatoide, il morbo di Crohn, la sclerosi multipla, il Diabete di tipo 1. Uno studio pubblicato nel 2015 sulla rivista Autoimmune Reviews ha evidenziato come il consumo di alimenti processati sia associato all’aumentata incidenza di patologie autoimmuni nella società occidentale. In particolare è stato sottolineato come la presenza di alcuni additivi contenuti in g

Disturbi dell'umore e alimentazione, l'influenza del cibo sulla salute della mente

I disturbi dell’umore sono tipici sintomi di condizioni sempre più diffuse nella società moderna, come ansia, depressione, la cui prevenzione e i cui trattamenti sono tra le maggiori problematiche sanitarie moderne. Secondo la World Health Organization, la depressione entro il 2020 sarà al secondo posto tra le 10 condizioni patologiche più diffuse nel mondo e, secondo varie evidenze scientifiche, l’approccio nutrizionale è una delle migliori armi di prevenzione al riguardo. Alla base dei disturbi dell’umore, grazie alle nuove tecnologie, e è emerso il ruolo di neurotrasmettitori, come la serotonina, e uno squilibrio chimico a livello cerebrale. In tutto ciò sono implicati fattori genetic

Cuore e alimentazione: ecco come il cibo può influire sul battito cardiaco a riposo

Sono numerose le evidenze scientifiche che dimostrano l’associazione tra un battito cardiaco elevato a riposo e un maggiore rischio di patologie cardiovascolari, anche in soggetti sani, tanto da essere considerato come un fattore di monitoraggio nella valutazione del rischio cardiovascolare. In effetti il conteggio dei battiti è facile, non invasivo, rappresenta un qualcosa che è alla portata di tutti ed è importante per la propria salute. Pensate che, come dimostra un lavoro pubblicato nel 2014 sulla rivista European Journal of Preventive Cardiology il solo aumento di 10 battiti al minuto a riposo è associato al 10-20% in più del rischio di morte prematura. Lo studio conclude affermando co

Daniele Basta Nutrizionista Cosenza

Seguimi su Facebook

  • Facebook Social Icon

SCRIVIMI

IMPORTANTE

Questo blog nasce con l'obiettivo di divulgare l'informazione  scientifica sul mondo dell'alimentazione. Scrivo questi articoli nel mio tempo libero per passione, sempre dopo uno studio minuzioso e un'attenta revisione della letteratura scientifica, ragion per cui è necessario citarne la fonte se dovessero essere riportati su altri siti o su altri blog. 

REGISTRATI GRATIS

Testimonianze

TAG

Archivio

Dott. Daniele Basta

Biologo Nutrizionista Ph.D. Cosenza

  • Facebook Social Icon
  • Twitter Social Icon
  • Google+ Social Icon
  • Instagram Social Icon

© 2017 by Dott. Daniele Basta 

Email: nutrizione.danielebasta@gmail.com

 Sito web:www.nutrikalstudio.it