Liquirizia, l'antinfiammatorio made in Calabria

June 3, 2016

Oltre alle note proprietà ipertensive naturali, dunque ottima per chi soffre di pressione bassa, la liquirizia possiede straordinarie proprietà antinfiammatorie e antiossidanti. 
In Italia questa radice trova localizzazione soprattutto in Calabria, a livello della costa ionica nell'area appartenente ai comuni di Castrovillari, Corigliano e Rossano, dove la natura del suolo ed il clima contribuiscono alla crescita spontanea della liquirizia, divenuta oggi, un vero e proprio punto di forza dell'esportazione calabrese nel mondo. 

 

Il principio attivo tipico della liquirizia è la glicirrizina, un composto con notevole potere dolcificante (50-100 volte superiore a quello del normale saccarosio), che conferisce il tipico potere ipertensivo di questa radice. 
I fenoli, quali timolo e carvacolo, donano alla liquirizia un alto potere antiossidante e, inoltre, la presenza di Isoliquiritigenina (ILN) gioca un ruolo fondamentale nel combattere l'infiammazione. In particolare (solo per i patiti di biochimica) inibisce l'espressione della ciclossigenasi (COX-2), enzima responsabile della conversione delle prostaglandine a partire dall'acido arachidonico. Da qui il potente potere antinfiammatorio della liquirizia. 

 

Nella radice etanolica sono contenuti diversi polifenoli che, come dimostrano diversi studi, possiedono un'azione benefica rallentando i processi aterosclerotici, combattendo lo stress ossidativo, dunque utile per i cardiopatici in assenza di ipertensione.

 

Secondo diverse evidenze scientifiche, gli estratti di liquirizia si sono particolarmente efficaci nel contribuire a combattere le ulcere gastriche, grazie alla glicirrizina e alla glabridina, composto quest'ultimo, capace anche di inibire la crescita di Helicobacter pylori, il batterio la cui infezione è molto spesso la causa principale di questa condizione patologica.  

 


Le radici di liquirizia , se masticate, sembra che abbiano effetti positivi su chi abbia intrapreso un processo virtuoso per smettere di fumare o per favorire la digestione. 
Ovviamente per le proprietà ipertensive, è da consumare con cautela o da essere completamente esclusa per coloro che soffrono i pressione alta, in quanto andrebbe solamente ad aggravare il quadro patologico. Il consumo di questa radice è inoltre sconsigliato in gravidanza, in quanto è associato a nascita prematura, nonostante occorrano ulteriori studi a confermare tutto ciò. 


Fonti:
http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/24963489
http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/24564587
http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/17886224

http://www.biochemj.org/content/421/3/473

Please reload

SCRIVIMI

Post Recenti

Please reload

Può interessarti anche

Please reload

Dott. Daniele Basta

Biologo Nutrizionista Ph.D. Cosenza

© 2017 by Dott. Daniele Basta 

Email: nutrizione.danielebasta@gmail.com

 Sito web:www.nutrikalstudio.it

 

  • Facebook Social Icon
  • Twitter Social Icon
  • Google+ Social Icon
  • Instagram Social Icon