Alimentazione e salute dei capelli: quali cibi preferire per rafforzarli?

September 22, 2017

È ormai risaputo che nel periodo autunnale si assiste ad un vero e proprio intensificarsi della caduta dei capelli, si tratta del cosiddetto "periodo delle castagne". Questo fenomeno colpisce circa l’80% degli uomini e il 50% delle donne e sono tantissimi ormai oggi gli integratori, i farmaci e i prodotti cosmetici sul mercato che reclamizzano effetti benefici per la salute dei capelli e che spesso vengono acquistati senza leggere le etichette e senza tenere in considerazione i potenziali effetti indesiderati. In tutto ciò purtroppo non tutti sanno che gli integratori in commercio online o in molti negozi non richiedono l’approvazione da parte dell’FDA prima di essere messi in vendita, non c’è nessun controllo e la responsabilità della sicurezza del prodotto è unicamente nei confronti della casa farmaceutica.

 

La caduta dei capelli può dipendere da uno o più fattori come genetica, condizioni patologiche particolari come anemia o patologie tiroidee, squilibri ormonali, stress, l’utilizzo di determinati farmaci, alimentazione scorretta.

 

Proprio riguardo a quest’ultimo aspetto, si sottostima spesso come  una corretta alimentazione nell’ambito possa influire positivamente sulla salute dei capelli. Cosi come tutte le cellule del nostro organismo, anche quelle del cuoio capelluto necessitano regolarmente di nutrienti chiave per poter mantenersi in salute e, in mancanza dei quali, al contrario, si rischia di indebolirli ulteriormente.

 

Elementi chiave sono, ad esempio, la Vitamina D , correlata a molte fasi del ciclo di ricrescita dei capelli, il ferro, il cui apporto insufficiente è associato a caduta e indebolimento specie nelle donne, lo zinco, del quale però non ci sono abbastanza evidenze scientifiche che supportino un suo ruolo nella caduta dei capelli, il magnesio, la Vitamina A, la C, le Vitamine del gruppo B, ma anche macronutrienti come le proteine e acidi grassi polinsaturi risultano fondamentali per rinvigorire il cuoio capelluto.  La Vitamina A, ad esempio, è importante nel promuovere la crescita dei capelli, mentre la C può aiutare a mantenere ottimali i livelli di collagene all’interno dei follicoli piliferi, esplicando nel contempo attività antiossidante.

 

Tra le proteine, sono molto importanti quelle contenenti due aminoacidi in particolare tra cui metionina e la cisteina, caratterizzati dalla presenza di zolfo, importante nel rafforzare la struttura e la crescita dei capelli.

 

Nonostante possa non essere la causa principale, un’alimentazione scorretta, caratterizzata da deficit nutrizionali, può facilitare la caduta di capelli e tutto ciò non è correggibile unicamente attraverso il consumo di integratori.

 

L’integratore o il supplemento non sostituisce l’alimento e non ci sono reali evidenze scientifiche che possa avere effetti positivi, anche e soprattutto in una condizione come questa.

 

Evidenze scientifiche dimostrano come il sale in eccesso nell'alimentazione possa svolgere un ruolo negativo nei confronti della salute del cuoio capelluto. Un'alimentazione ricca di cibi processati e raffinati d'altronde, ricca di alimenti 'denudati' delle proprie qualità nutrizionali, ad alta densità calorica, è potenzialmente dannosa per i capelli, indebolendoli e, a lungo andare, promuovendone la caduta.

 

È bene sottolineare come un'alimentazione varia, equilibrata e completa non necessiti di alcuna supplementazione ulteriore. A tal proposito gli studi sono controversi e in alcuni viene evidenziato addirittura come un eccesso di micronutrienti possa indebolire i capelli e svolgere dunque effetti negativi.

 

Di seguito alcuni  alimenti che, in una dieta equilibrata, possono aiutare a rafforzare i capelli e a prevenirne la caduta:

 

- Salmone: ricco di proteine, acidi grassi polinsaturi e vitamina D che, nel complesso, aiutano a mantenere il cuoio capelluto ben idratato;

- Funghi: fonte vegetale di Vitamina D, micronutriente fondamentale per la salute dei capelli.

- Noci e Mandorle: ricche di antiossidanti ,acidi grassi mono- e polinsaturi, ma soprattutto di biotina e vitamina E aiutano a proteggere le cellule dal danno al DNA, fungendo da ottimi antiossidanti; 

- Ostriche, Cereali integrali: contenenti zinco, la cui mancanza è nota provocare la perdita di capelli. Questo importante minerale lo si ritrova solitamente anche in alcuni cereali e nel cioccolato fondente, ma le ostriche rappresentano il non plus ultra per lo zinco.

- Uova: fonte ricca di proteine, accompagnate dai minerali chiave quali zinco, selenio e ferro; 

- Spinaci: con ferro, beta carotene, folati e vitamina C, mantengono in salute i follicoli dei capelli;

- Lenticchie: tra i legumi, abbondano di proteine, zinco, biotina, nutrienti chiave per la salute del cuoio capelluto;

- Yogurt: in particolare quello greco, ricco di proteine, vitamina B5 (acido pantotenico);

- Mirtilli, Agrumi, Peperoni: ricchi di vitamina C e antiossidanti. Molti studi hanno evidenziato come una carenza di vitamina C nella dieta possa indebolire notevolmente i capelli. 

FONTI:

http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/12190640

http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/20823774

http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/23159185

Please reload

SCRIVIMI

Post Recenti

Please reload

Può interessarti anche

Please reload

Dott. Daniele Basta

Biologo Nutrizionista Ph.D. Cosenza

  • Facebook Social Icon
  • Twitter Social Icon
  • Google+ Social Icon
  • Instagram Social Icon

© 2017 by Dott. Daniele Basta 

Email: nutrizione.danielebasta@gmail.com

 Sito web:www.nutrikalstudio.it