Pranzo a lavoro? Pianificalo e portalo da casa, mangi meglio e risparmi

February 19, 2019

I ritmi frenetici dei nostri giorni spesso spingono i lavoratori moderni a consumare il pranzo fuori casa o sul posto di lavoro stesso. Purtroppo scelte alimentari inadeguate e fretta di finire il pasto per poter rientrare in tempo sul posto di lavoro, a lungo andare, potrebbero avere effetti negativi non solo sul proprio peso corporeo, ma anche sulla salute intera dell’organismo. In effetti sono ancora in tantissimi che ricorrono al fast-food più vicino per consumare un pranzo veloce come una semplice pizzetta o un panino con carne processata come prosciutto o bresaola, si tratta comunque di cibi processati, ricchi di sale, di carboidrati raffinati e poveri di nutrienti.

 

Altri preferiscono, in alternativa, sostituire il pranzo completo con una merendina del distributore automatico più vicino, cibo altamente industriale e processato che sicuramente non colmerà il senso di fame, bensì la stimolerà nuovamente dopo pochissimo tempo, inducendo a mangiare di più nel pasto successivo, ovvero, generalmente la cena.  

 

Altri ancora decidono di sostare quella mezz'oretta di pausa nel ristorante più vicino, migliorando la qualità nutrizionale del pasto, probabilmente, rispetto ai due casi precedenti, ma spendendo comunque una cifra che, se reiterata nel tempo, potrebbe gravare sulla propria economia. 

 

Tutto ciò potrebbe anche influire negativamente sulle prestazioni lavorative, aumentando il senso di stanchezza e riducendo la soglia di attenzione.

 

Al contrario, pianificare i propri pasti giornalmente e portare il pranzo da casa potrebbe migliorare indubbiamente la qualità nutrizionale del pasto intero, contribuendo a migliorare la prestazione lavorativa e, a lungo andare, a risparmiare del denaro.

 

In uno studio australiano del 2017 pubblicato sulla rivista American Journal of Clinical Nutrition è stato evidenziato come coloro che riescono pianificare i pasti settimanalmente tendono ad effettuare pasti di qualità nutrizionale superiore e a mantenere un peso maggiormente in salute, rispetto a coloro che non pianificano.

 

Risultati simili sono stati confermati da uno studio francese sempre dello stesso anno condotto sulle abitudini alimentari di oltre 40.000 persone. Pianificare il proprio pasto è associato ad un regime alimentare più salutare e a meno rischio di obesità .

 

Mangiare spesso fuori casa, significa anche introdurre quantità esorbitanti di sodio. Come dimostra un lavoro del 2009 pubblicato sulla rivista International Journal of Epidemiology, i pasti consumati fuori casa possono contenere fino a 100 volte più sodio rispetto a pasti simili fatti in casa...anche quando si tratta di un semplice risotto!!

 

Portare il proprio pranzo sul proprio luogo di lavoro potrebbe rivelarsi un’abitudine efficace nel migliorare la qualità nutrizionale del proprio pranzo, spendendo anche di meno. Con un po’ di creatività e di fantasia si potrebbe preparare il pranzo addirittura la sera precedente o la mattina presto per poi riscaldarlo sul luogo di lavoro, se si tratta di un piatto da consumare caldo, o direttamente lasciarlo a temperatura ambiente, se invece si tratta di un piatto buono anche freddo. Rappresenta una scelta salutare perché siete voi i veri protagonisti del vostro pranzo e siete voi a scegliere gli alimenti da utilizzare, in modo da renderlo un piatto nutriente e gustoso nello stesso tempo.

 

Pianificare e preparare il pranzo a casa è una scelta in grado di influire positivamente anche sulle proprie tasche. 

 

In un lavoro pubblicato nel 2017 sulla rivista American Journal of Preventive Medicine, è stato visto come coloro che riescono a preparare il pasto da casa spendono meno denaro sul cibo e possiedono un regime alimentare più salutare.

 

 sottostante è rappresentata la differenza economica tra alcuni pasti tipici che vengono improvvisati nella pausa pranzo di lavoro e tra un pasto adeguatamente pianificato, preparato a casa e da consumare a pranzo a lavoro. La differenza è significativa, non solo da un punto di vista economico, ma anche e soprattutto da un punto di vista nutrizionale e a beneficiarne a lungo termine non sarà soltanto il peso corporeo, ma la salute intera dell’organismo.Nell'immagine

 

 

Fonti:

https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/28256283

https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/28153017

https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/28153017

Please reload

SCRIVIMI

Post Recenti

Please reload

Può interessarti anche

Please reload

Dott. Daniele Basta

Biologo Nutrizionista Ph.D. Cosenza

© 2017 by Dott. Daniele Basta 

Email: nutrizione.danielebasta@gmail.com

 Sito web:www.nutrikalstudio.it

 

  • Facebook Social Icon
  • Twitter Social Icon
  • Google+ Social Icon
  • Instagram Social Icon